[smartslider3 slider=1]

10 cose da fare nel Parco Nazionale d’Abruzzo

10 cose che assolutamente non puoi perdere quando visiti il Parco Nazionale d’Abruzzo: tra natura incontaminata, borghi panoramici, centri storici, sport, attività e buona cucina è meta ideale per vacanza in montagna.

1) Il Lago di Barrea

Lago di Barrea

Nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo tra le vette incontaminate dell’Appennino,si trova il Lago di Barrea su cui affacciano tre deliziosi borghi: BarreaVilletta Barrea Civitella AlfedenaRealizzato artificialmente nel 1950, mediante lo sbarramento del fiume Sangro, ha una lunghezza di circa 5 km e una larghezza media di 500 m. Notevole è la presenza di avifauna,aironigarzettegermanicavalieri d’Italiagallinelle d’acquamartin pescatori e numerose altre specie. In qualunque stagione dell’anno è il luogo ideale per vivere in armonia con la natura incontaminata in un ambiente salubre e suggestivo. Lungo le sponde del lago ci sono percorsi pedonali e ciclabili per chi vuole fare un po’ di moto: è possibile trovare panchine, aree di sosta e un punti ristoro con delle piccole spiagge attrezzate come il lido chiamato “La Gravara”: un luogo ideale per fare il bagno, prendere il sole o fare un giro in pedalò.

2) La riserva naturale della Camosciara

La Camosciara, area naturalistica del Parco Nazionale d'Abruzzo

Camosciara è il cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo. Con le sue guglie e creste frastagliate di dolomia bianca e grigia  è molto simile nella struttura e nell’ aspetto alle montagne dolomitiche alpine. Deve il suo nome alla folta popolazione di camosci che qui abita. Si trova lungo la strada che collega Pescasseroli a Villetta Barrea. Per la straordinaria bellezza del paesaggio, l’oasi dei camosci, è una delle località del parco più conosciuta e amata dai turisti, ma allo stesso tempo è uno dei luoghi più segreti che si estende verso valle fino al fiume Sangro e racchiude nel proprio contesto la zona di Riserva Integrale. Oggi è possibile godere delle bellezze naturali della Camosciara, solo attraverso itinerari a piedi a diretto contatto con la natura lasciando la macchina al di fuori della riserva nel parcheggio. Dopo aver parcheggiato la macchina nel parcheggio a valle della Camosciara, si procede a piedi lungo una strada asfaltata non accessibile alle auto e percorrendo dei comodi itinerari possiamo raggiungere le cascate delle Ninfe e delle Tre Cannelle, attraverso un bosco di faggi, usufruendo di molteplici servizi presenti nell’area: mountain bike, passeggiate a cavallo, trenino turistico, area pic-nic con punti fuoco ed escursioni guidate.

3) La Val Fondillo

La Val Fondillo è una vallata circondata dalle montagne dalla quale si diramano diversi sentieri, ideali per dedicarsi a passeggiate, trekking ed escursioni. I panorami sono mozzafiato, la natura è lussureggiante e non è difficile avvistare simpatici animali selvatici durante il tragitto. In 20 minuti di cammino dalla parte più bassa della Val Fondillo si raggiunge la “Grotta delle Fate” mentre in 3 ore e mezza si completa il “Percorso dell’Orso”. I sentieri di montagna che partono dalla Val Fondillo si differenziano per difficoltà e tempi di percorrenza e sono adatti davvero a tutti, dalle famiglie con bambini (anche molto piccoli) agli escursionisti esperti. Chi non ha voglia di percorrere i sentieri ed avventurarsi in montagna può sempre restare nella vallata, fare un pic-nic in riva al fiume e rilassarsi all’ombra degli alberi nelle rigogliose Faggete che hanno reso la Val Fondillo famosa.

4) Il borgo di Barrea, il Castello con vista mozzafiato sul Lago

Borgo di Barrea-Borgo Autentico d'Abruzzo

Barrea, è il borgo del Parco Nazionale d’Abruzzo con il centro storico più caratteristico ed unico. Un paesino arroccato su uno sperone roccioso e bagnato dalle acque del lago artificiale omonimo. Quando visiterai il centro storico di Barrea, non dimenticare di raggiungere il Castello e la Torre antica che svettano nella parte alta del borgo: il panorama è a dir poco incantevole. Il panorama che si gode dal belvedere di Barrea, con il lago omonimo incorniciato tra le montagne e i borghi di Civitella Alfedena e Villetta Barrea in lontananza, è uno dei più famosi e iconici di tutto l’Abruzzo.  

5) Civitella Alfedena, con il suoi punti faunistici del Lupo e della Lince

Civitella Alfedena è un borgo inserito nel bellissimo contesto Civitella Alfedena - Nel Parco Nazionale d'Abruzzoambientale del Parco Nazionale del Lazio, Abruzzo e Molise. Il turista potrà andare alla scoperta delle ricchezze naturalistiche del territorio e sarà accolto e guidato da una varietà di servizi complementari messi a sua disposizione. Inoltre, il centro storico, oltre ad essere circondato da un’atmosfera accogliente e tipica del borgo, offre numerosi punti vendita di prodotti artigianali e agroalimentari tipici locali. Accanto alla parte alta del paese sorge l’area faunistica della Lince, mentre sulla collina di fronte al paese si trova il Centro visite del Parco, con il Museo e l’area faunistica del Lupo. Da Civitella è possibile intraprendere numerose, suggestive escursioni: da non perdere, quella alla Camosciara, il selvaggio anfiteatro rupestre dominato dal monte Sterpidalto e del Balzo della Chiesa, uno dei luoghi più noti e più importanti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

6) Pescasseroli, “la capitale” del Parco

Pescasseroli, in provincia dell’Aquila, è la cittadina più importante dell’intero Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.Pescasseroli nel Parco Nazionale d'Abruzzo La sua posizione è splendida e dopo averlo visitato è piuttosto comune voler rimanere o quantomeno tornare. Bellissima in inverno, anche per il suo comprensorio sciistico e verdissima d’estate merita senz’altro una visita non troppo frettolosa. Dopo aver vagato nei vicoletti del centro con la testa in alto alla ricerca di scorci suggestivi per strappare una fotografia, consigliamo di soffermarsi a Palazzo Sipari, dove nacque il filosofo Benedetto Croce che può essere visitato con una piacevole escursione guidata. Pescasseroli è il paradiso delle escursioni in estate, ma anche in primavera ed autunno sia a piedi che in mountain bike e a cavallo. Alcuni maneggi offrono particolari programmi dedicati ai bambini. Nei mesi invernali Pescasseroli si trasforma in una bella stazione sciistica con 20 Km. di piste di tutti i livelli di difficoltà. Lo sci di fondo può essere praticato nella zona dell’Altopiano della Macchiarvana. E’ inoltre possibile praticare con grande soddisfazione il winter nordic walking e le escursioni con le ciaspole, racchette da neve che si indossano ai piedi per facilitare i movimenti. Per le famiglie il parco con lo Snowtubing vi farà divertire tutti insieme in tranquillità. Interessante il Centro Visita con il Museo naturalistico e il Parco Giardino, impropriamente definito giardino zoologico dal momento che i pochi animali ospitati, tra cui orsi marsicani, lupi appenninici e poiane, non sono stati catturati per essere mostrati al pubblico ma perché malati e curati o nati in cattività e la cui vita è ormai dipendente dall’uomo.

7) Una visita ai tanti ranch e maneggi della zona, tra cui consigliamo il “Ranch Brionna”

Le passeggiate a cavallo  con il Ranch Brionna si svolgono in uno degli scenari più belli d’Italia, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Escursione e Passeggiate a Cavallo ed in QuadLe passeggiate sono rivolte a principianti e non, o a chiunque voglia vivere e regalare un’esperienza unica nel suo genere a contatto con la natura, avendo inoltre la possibilità di conoscere e sperimentare i sapori tipici di questa zona. Ogni escursione a cavallo si svolge all’interno della Valle del Pantano, una valle lunga oltre 6 km totalmente immersa nel verde e circondata dalla catena montuosa delle Mainarde. La vallata, parte del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, è un sito di interesse comunitario in quanto è una delle torbiere appenniniche più vaste d’Italia con un alto indice di biodiversità, nonché luogo di passaggio di alcuni uccelli migratori come cicogne e gru. L’area inoltre ospita un migliaio tra mucche e cavalli, Le escursioni partono dal Ranch Brionna, situato a pochi km da Castel Di Sangro, a seconda del tempo e dell’itinerario scelto sarà possibile percorrere tragitti pianeggianti passando direttamente all’interno della vallata oppure percorsi più panoramici in collina potendo così godere di una visuale più ampia e completa del Pantano. Per gli amanti dei motori e dello sterrato si organizzano gite ed escursioni in QUAD tra i boschi e le vallate più belle del Parco nazionale d’Abruzzo. Prenota ora con sconto #HotelHolidays2020 https://www.ranchbrionna.com/attivita

8)  Il Sentiero del Cuore, Lago di Scanno Risultati immagini per cuore

Lago di Scanno - Sentiero del Cuore #lagoaformadicuoreNel cuore dell’Abruzzo c’è un sentiero speciale consigliato agli innamorati che conduce ad un pendio da cui si ammira uno spettacolo unico al mondo. Da quella prospettiva, il lago di Scanno sembra avere la forma di un cuore.  Dall’alto del colle dove sorge l’eremo di Sant’Egidio, potrete ammirare il borgo di Scanno e la bellissima vista del lago a forma di cuore. In questo articolo vi spieghiamo come arrivare e come vedere questo spettacolo.  È necessario fare una premessa, il lago di Scanno non ha la forma di un cuore, ma, da una particolare prospettiva è possibile vederlo di queste sembianze, vi basterà seguire il Sentiero del Cuore di Scanno che circa mezz’ora di cammino vi porterà ad una terrazza panoramica da cui ammirare questo spettacolo.  Il Sentiero del Cuore parte dal lago di Scanno, è una bella strada adatta a tutti che un punto panoramico che vi permetterà di ammirare il lago a forma di cuore.  Percorrete il tratto della SS 479, fino ad imboccare un sentiero in salita, dopo una piccola sosta in un bel punto panoramico, percorrete la strada nel bosco, verso la dorsale della Montagna Grande. Ad un certo punto, seguite la strada sterrata che vi condurrà al borgo di Scanno. Un piccolo tratto di strada che entra in un boschetto che condurrà all’Eremo di S. Egidio. Da qui, si sale verso un altra zona boscosa che vi porterà ad una piccola cengia da dove vedere il lago con la forma di cuore. Il percorso è lungo 2,1 chilometri ed ha un dislivello di 289 metri.

9) Il borgo di Scanno

Borgo di Scanno

Casette addossate, stradine strette e tutt’intorno silenzio. Visitare Scanno significa fare un viaggio indietro nel tempo, fino al medioevo. Non è certo un caso che la CNN lo abbia eletto uno dei borghi più belli da visitare assolutamente in Italia, se ne accorse già Henri Cartier-Bresson che negli anni ’50 visitò Scanno conl’animo teso… ansioso di catturare con una sola immagine l’essenziale di ogni scena che gli si parava davanti. Adagiato tra valle del Sagittario, fra la Montagna Grande e il Monte Godi, Scanno è una meraviglia ai confini del Parco Nazionale d’Abruzzo. Ve ne accorgerete già percorrendo la strada a tornanti che porta al paese e che offre uno sguardo speciale sulla Riserva del Sagittario e sul Lago di Scanno. Abbiamo realizzato una guida a cosa vedere assolutamente nel paese più bello d’Abruzzo.

10) Pescocostanzo, Roccaraso e Rivisondoli

Partendo dal primo dei 3 borghi Pescocostanzo, centro di antica origine, può vantare una favorevole temperie culturale, patrimonio di monumenti rinascimentali e barocchi a testimonianza della straordinaria vicenda artistica e culturale che sviluppò soprattutto tra il 1440 e 1700. Borgo di PescocostanzoPescocostanzo in un ambiente naturalistico eccezionale aggiunge la proposta di una vacanza, estiva ed invernale, integrandosi in un comprensorio che rappresenta con le infrastrutture e le ricettività delle vicine Rivisondoli e Roccaraso, l’offerta montana più completa della montagna abruzzese. In inverno la stazione sciistica di Vallefura, vicinissima al paese, rappresenta un’alternativa interessante e offre la possibilità di belle piste, servite da due nuovi impianti di risalita, ma anche di Snowpark e baby garden. Il secondo è più famoso paesino di Roccaraso, è il cuore della più vasta area sciistica del Mediterraneo, il comprensorio Alto Sangro, comprendente 160km di piste da discesa e 36 impianti di risalita. Il patrimonio naturalistico, le notevoli attrezzature sciistiche e sportive rappresentano il biglietto da visita che Roccaraso offre ai propri ospiti. Al visitatore Roccaraso propone un bacino sciistico (Aremogna-Pizzalto-Montepratello Rivisondoli) con trenta modernissimi impianti a fune, centodieci chilometri di piste perfettamente innevate e assistite dal più ampio e moderno impianto di neve programmata. Le piste da fondo, lo snow-board, la possibilità di praticare sci-escursionistico, e lo stadio del Ghiaccio, completano un’offerta senza pari, in un ambito naturalistico di assoluto pregio. Per finire Rivisondoli piccolo paesino che sorge tra i montuosi altipiani d’Abruzzo appartiene alla Comunità Montana Alto Sangro, delle Cinque Miglia e del Parco Nazionale della Majella. Il grande polo attorno al quale gira l’economia del paese è senza dubbio il turismo, frequentato centro di inverno per via degli attrezzatissimi impianti sciistici, d’estate Rivisondoli è un ideale luogo di villeggiatura, grazie al suo clima ottimale e la sua vicinanza con il Parco Nazionale d’Abruzzo. A far crescere la notorietà del paese fu anche in passato la presenza del suggestivo presepe vivente che si presenta sulla scena ogni anno il 5 gennaio già dal lontano 1951, secondo la tradizione l’ultimo nato interpreta la figura del bambinello anche se a causa del calo di nascite dovuto negli ultimi anni si è ricorsi a gemellaggi con i paesi limitrofi.

Richiedi ora il tuo preventivo personalizzato ed organizza la tua meravigliosa vacanza nel Parco Nazionale d’Abruzzo! 

Menu